logo home
home4
home5
logo home
home4
home5
Stampa
PDF
14
Febbraio
2018

Corso di panificazione e pizzeria: la consegna dei nuovi diplomi

L'evento conclusivo, del corso di pianificazione e pizzeria, si è tenuto il giorno 23 gennaio 2018 presso il nostro centro "La Pergola".

Il corso è stato realizzato grazie al protocollo di intesa (ormai pluriennale) con l'istituto alberghiero "San Benedetto" di Latina. Il percorso formativo ha previsto anche una parte relativa alla sicurezza sui luoghi di lavoro ed una parte specifica sull'HACCP.

Gli attestati rilasciati sono validi agli effetti di legge e spendibili infatti nel mondo del lavoro. All'iniziativa sono intervenuti, oltre al direttore Luca Faggioni e al responsabile dell’area educativa Ivan Fausti, anche il prof. Egidio Perri, in rappresentanza del dirigente e coordinatore didattico del corso, quindi il Prof. Alessandro Salvador, insegnante della parte pratica, e il prof. Bruno Coppotelli, insegnante del modulo sulla sicurezza.

Le attività di laboratorio, attraverso l’organizzazione di corsi di formazione professionale con il rilascio degli attestati, sono sempre al centro dei programmi operativi della struttura, con l’obiettivo sia di forgiare i giovani sotto l’aspetto umano e sia per la successiva loro immissione nel mondo del lavoro. Questi corsi professionali e le relative attività di laboratorio sono, dunque, essenziali quando i minori stranieri non accompagnati, ospiti nel nostro Centro, al compimento del 18° anno di età dovranno lasciare la struttura e inserirsi e collocarsi in maniera responsabile e competente nel contesto sia sociale che lavorativo.

Stampa
PDF
10
Febbraio
2018

In barca a vela: un successo il nostro progetto

I minori stranieri non accompagnati del nostro gruppo ArteMigrante "La Pergola" di Latina Scalo, accompagnati dagli educatori Lavinia Bianchi, Christian Mastrillo e Francesco Russo hanno dato vita ad un importante progetto formativo: dopo il drammativo viaggio in mare che hanno dovuto sostenere per approdare sulle coste italiane, i nostri ragazzi sono tornati a cavalcare le onde del mare, ma questa volta salendo su Alisea, un'imbarcazione a vela di 14 metri .

Grazie a questa iniziativa altamente formativa, sotto la guida sapiente del capitano Roberto Pergameno, skipper di professione, docente e volontario di Emergency, i nostri ragazzi hanno potuto conoscere e imparare tutte le tecniche della navigazione, potendo così vivere un'esperienza davvero speciale. 

Il progetto è stato realizzato grazie alla fattiva collaborazione dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Veleggiando. Le uscite in mare aperto, della durata di alcune ore, si effettueranno partendo dal porto turistico di Nettuno e saranno totalmente gratuite per i partecipanti, in quanto i costi del carburante e dell’uso della barca sono a carico dell’associazione che patrocina l'evento. I minori stranieri non accompagnati che partecipano a questo progetto provengono da Egitto, Bangladesh e Albania.L'obiettivo è quello di recuperare il rapporto con il mare, per superare i traumi e le angoscie che hanno dovuto affrontare e vivere nella precedente esperienza di migranti dove si sono giocati la propria vita nella roulette russa del Mediterraneo. Sono consapevoli che potrebbero morire nel viaggio e non arrivare mai, ma spesso non hanno scelta. Storie di vita complesse e delicate. La migrazione porta in sé la grande fatica della rielaborazione identitaria e spesso questa non può che avvenire dalla rielaborazione dell'esperienza migratoria stessa. E' fondamentale, quindi, in vista di una loro futura integrazione nel Paese ospite, aiutarli a ricostruire la loro storia, il senso del loro viaggio, per superare insieme i loro disagi psicologici e fisici. Con l'auspicio che il mare presto torni ad essere un elemento di speranza e di gioia, mai più di sofferenza. Lo scopo del progetto è, dunque, duplice: da un lato facilitare il rapporto col mare, dall'altro dare la possibilità di svolgere un'attività sportiva legata alla navigazione, promuovendo l'inclusione e la conoscenza dell'ecosistema marino.

alt

 

Stampa
PDF
30
Gennaio
2018

"La Pergola" a Radio Cusano

"La Pergola" a Radio Cusano Campus: la nota emittente radiofonica dell'Università capitolina, all'interno del programma Sport Academy andato in onda mercoledì 24 gennaio, ha elogiato la mission educativa e formativa della nostra struttura. Davvero una grande soddisfazione per il direttore Luca Faggioni e per tutti gli operatori che quotidianamente mettono al servizio dei minori stranieri non accompagnati, ospiti del nostro Centro residenziale, tutta la propria professionalità con passione, serietà e grande umanità.

Ospite della trasmissione Ivan Fausti, responsabile coordinatore dell'area educativa, che ha illustrato i tanti progetti di formazione che vengono svolti nel corso dell'anno, ricordando nel suo intervento ai microfoni anche il recente evento sportivo organizzato in collaborazione con la Scuola Nazionale Numero Uno di Calcio in occasione dello stage tecnico presso la nostra struttura.

Ogni progetto “Sport e Integrazione”, come ricordato proprio durante la trasmissione a Radio Cusano Campus, nasce con l’obiettivo di sviluppare azioni finalizzate a favorire l’integrazione sociale della popolazione straniera attraverso lo sport e contrastare le forme di intolleranza e discriminazione. La promozione delle politiche di integrazione, nel rispetto dei valori della Costituzione Italiana, diventa dunque uno strumento prioritario per favorire la convivenza dei cittadini italiani e stranieri e consentire la loro partecipazione alla vita economica, sociale e culturale del paese. A sua volta lo sport, attraverso il ruolo trainante e i valori educativi che lo animano, contribuisce in modo efficace nel processo di diffusione della cultura del rispetto per gli altri e per le diversità.

Per risentire la puntata a Radio Cusano Campus: http://www.tag24.it/programmi/sport-academy/     

24 Gen. Sport Academy 24/01/2018...

 alt

Stampa
PDF
20
Dicembre
2017

Con la Scuola Numero 1 una giornata di calcio speciale al centro La Pergola

Giornata indimenticabile per la nostra formazione di calcio a 5: gli istruttori nazionali della Scuola Numero Uno hanno organizzato a sorpresa una doppia seduta di allenamento nel nostro Centro, donando al termine del’incontro a tutti l’ufficiale divisa da gioco. Anche la Verdesativa di Pomezia, azienda leader della cosmesi naturale sul mercato, ha regalato ai nostri giovani calciatori una fornitura di prodotti.

Il programma della giornata prevedeva una parte teorica in aula, presentata dal responsabile del centro Luca Faggioni e dal coordinatore delle attività educative Ivan Fausti, con la spiegazione e la correzione del gesto tecnico anche grazie all’ausilio di immagini di portieri di serie A, quindi una seduta sul campo di gioco riservato sia all’allenamento specifico dei portieri, sotto la guida del direttore tecnico Giuseppe De Fidio (già preparatore della Nazionale Dilettanti, della Rappresentativa Serie D, della Scuola Calcio della Lazio e della Juventus Academy) e del giovane istruttore Mirko Corsi (tra i più talentuosi portieri della sua generazione) e sia agli esercizi di tecnica di base riservata agli altri giocatori della rosa che hanno avuto sul campo un allenatore speciale, l’ex biancoceleste Mario Marchetti (ex calciatore della Lazio negli anni 60-70).

La Scuola Portieri Numero Uno offre ai ragazzi la possibilità di apprendere quelle nozioni tecniche quanto mai necessarie, in un ruolo così particolare e delicato, che vengono spesso trascurate o malamente insegnate sia dalle scuole calcio che dalle squadre agonistiche.

Nella sua storia il team del mister De Fidio annovera tra i propri allievi molti portieri che sono poi diventati famosi: Marco Storari (Juventus, Milan, Cagliari), il pontino Mattia Perin in forza al Genoa e alla Nazionale, Luca Anania (in serie A ha militato nel Lecce e nel Livorno), l’ex nerazzurro Giacomo Bindi (28 presenze con il Latina nel campionato 2012-2013 dove conquistò la promozione in serie B). Tra i primi allievi della Scuola anche Attilio Gregori (nella massima serie con le maglie di Roma, Verona, Genoa, Udinese).

La Scuola Numero Uno ha diverse sedi in Italia: a Roma c’è quella principale all’Eur, ma negli anni sono sorti i centri tecnici anche nelle altre città del Lazio, in Toscana, in Veneto, in Abruzzo e in Sicilia. Anche all’estero la Scuola Numero UNO ha i suoi seguaci: Malta, Portogallo e Israele sono state le prime nazioni ad accogliere il team del direttore De Fidio.

alt


  • 34.jpg
  • 35.jpg
  • 42.jpg
  • 2013-10-01 10.23.44.jpg
  • 20140612_190735.jpg
  • agricoltura-001.jpg
  • artemigrante gruppo traguardi.jpg
  • centro.jpg
  • centro1.jpg
  • dirigenti2 traguardi.jpg
  • dirigenti traguardi.jpg
  • doti.jpg
  • dsc06493.jpg
  • festa canina.jpg
  • festa commercio equo1.jpg
  • festa commercio equo2.jpg
  • fetsa commercio equo3.jpg
  • forte s. gallo.jpg
  • foto-001.jpg
  • foto.jpg